Menu principale:

Le Vie della Sardegna :: partendo da Sassari Turismo, Sagre Paesane, Cultura e Cucina Tipica Sarda. Turismo in Sardegna, itinerari enogastrononici e culturali. B&B, Agriturismi, Hotel, Residence, Produttori Prodotti Tipici, informazioni e itinerari su dove andare, cosa vedere, dove mangiare, dove dormire sul Portale Sardo delle Vacanze. Tutto per le tue Vacanze in Sardegna. Informazioni turistiche e curiosità sui comuni della Sardegna e le attrattive turistiche offerte nei vari territori isolani.


Vai ai contenuti

Gennargentu :: Percorsi di Trekking in Sardegna zona del Gennargentu, dal Portale Le Vie della Sardegna.

Territorio > Sardegna Escursionismo


Gennargentu Panoramica.

5. Gennargentu


Un’Isola di sentieri
76 itinerari per il trekking in Sardegna



IL TERRITORIO

Il Gennargentu è un massiccio montuoso che ospita le vette più elevate dell’Isola (Punta La Marmora 1834 m e Bruncu Spina 1828 m). Da qui si gode un panorama che spazia su tutta l’ Isola. L’area è di grande pregio per la presenza di habitat e specie endemiche e rare. Qui è possibile vedere l’aquila reale o imbattersi in gruppi di mufloni. La vegetazione è costituita da prati, garighe e macchie, presenti anche fitti ontaneti e roverelle monumentali. Chi percorre i sentieri potrà dissetarsi presso le freschissime sorgenti, ammirare fioriture di rara bellezza e un sorprendente numero di insetti. Nei fondovalle si trovano gli antichi ovili, a volte ancora in uso. Nei paesi è possibile visitare Musei, degustare i prodotti locali e acquistare i manufatti dell’ artigianato.



Nel Territorio del Gennargentu
si trovano 8 sentieri.


Regole di buon comportamento

  • Seguire il tracciato del Sentiero
  • Non gettare rifiuti
  • Non accendere fuochi
  • Non raccogliere piante e fiori
  • Non molestare gli animali
  • Non danneggiare alberi e rocce
  • Non provocare rumori molesti




Trekking percorsi



1) Tonara - Bauerì
Punto di partenza: Centro abitato Tonara
Punto di arrivo: Ponte Bauerì
Lunghezza percorso: 12.6 Km
Tempo medio di percorrenza: 3 h 15 min
Dislivello: 659 m


Il Percorso è facilmente raggiungibile alla partenza dal paese di Tonara e all’arrivo dalla Strada Statale n. 389, ed è pertanto servito da mezzi pubblici. L’itinerario inizia in prossimità del centro abitato di Tonara e attraversa soprattutto luoghi di interesse naturalistico, antropologico e storico. I numerosi punti panoramici della zona e la presenza dei vecchi ovili rendono il contesto piacevole per gli escursionisti. Il percorso presenta un tratto ad anello che raggiunge il sentiero 501A e percorrere la linea di cresta montana sino a Punta Muggianeddu, da dove è possibile rientrare a Tonara.



2) Perdas Artas
Punto di partenza: Bacu Perdas Artas
Punto di arrivo: Sedda Ghenna Flores
Lunghezza percorso: 1.1 Km
Tempo medio di percorrenza: 15 min
Dislivello: 124 m


Il percorso attraversa diversi luoghi di interesse naturalistico e paesaggistico. Partendo dal comune di Tonara è possibile raggiungere le località di Bacu Perdas Artas, Punta Muggianeddu e la sella di Ghenna Flores, per poi rientrare nuovamente nel paese di Tonara. Lungo il cammino vi sono diversi punti panoramici dai quali è possibile godere della vista di paesaggi molto suggestivi. Il sentiero, ad eccezione di una piccola parte, si compone di tratti di strade sterrate, carrarecce e strade asfaltate di transito abbastanza agevole.


3) Muggianeddu
Punto di partenza: Tonara
Punto di arrivo: Passo Perdu Abes
Lunghezza percorso: 9.7 Km
Tempo medio di percorrenza: 3 h 40 min
Dislivello: 530 m


Il paese di Tonara, posto all’inizio del percorso, è servito da mezzi pubblici. L’itinerario è panoramico, in particolar modo da Punta Muggianeddu si gode di un vasto e suggestivo paesaggio. Lungo il sentiero vi sono diverse aree di interesse naturalistico, antropologico e storico. Nel tracciato, che si interseca esclusivamente con carrarecce e piste forestali, sono presenti i vecchi caratteristici ovili, chiamati Cuiles o Pinnetos.



4) Girgini - Rifugio La Marmora
Punto di partenza: Sa Sedda ‘e S’Ena
Punto di arrivo: Ruderi Rifugio La Marmora (Incrocio 721)
Lunghezza percorso: 8.2 Km
Tempo medio di percorrenza: 2 h 50 min
Dislivello: 644 m


Si accede dal sentiero 700 in prossimità dell’area attrezzata di Sa Sedda ‘e S’Ena. Il sentiero porta dalla foresta di Girgini ai ruderi del rifugio La Marmora, situato all’incrocio con il sentiero 721. Il rifugio fu costruito alla fine del diciannovesimo secolo in onore del Generale Alberto Ferrero La Marmora. Questo percorso, oltre che collegare il fondovalle con la cresta e offrire panorami di notevole bellezza, passa nelle vicinanze delle Tombe dei Giganti dell’area archeologica sita in località “Sa Tanchita”.


5) Arcu Artilai - Bruncu Spina
Punto di partenza: Arcu Artilai
Punto di arrivo: Bruncu Spina
Lunghezza percorso: 0.8 Km
Tempo medio di percorrenza: 30 min
Dislivello: 165 m


Il sentiero parte da Arcu Artilai e termina a Bruncu Spina, seconda vetta della Sardegna (1828 m slm). Si tratta di un breve e ripido tratto che collega il sentiero 721 con il Sentiero Italia del CAI e mette in comunicazione la rete dei sentieri del versante di Desulo con quelli di Fonni. Raggiunta la vetta si ammira un
panorama che spazia su tutta l’Isola.


6) Is Meriagus
Punto di partenza: Arcu Guddetorgiu
Punto di arrivo: Sa Minna (incrocio 722)
Lunghezza percorso: 8 Km
Tempo medio di percorrenza: 2 h 30 min
Dislivello: 265 m


Il sentiero inizia a 50 metri dall’incrocio di Arcu ‘e Guddetorgiu. Questo è il percorso più breve per raggiungere le vette del Gennargentu partendo dal centro abitato di Desulo. Esso passa accanto ai vecchi ovili di “Is Meriagus” e termina all’incrocio con il sentiero 722. Percorrendo questo tracciato nei mesi primaverili si assiste ad uno spettacolo suggestivo dovuto al contrasto delle cime ancora innevate e al risveglio della vegetazione a valle. Il sentiero è ricco di sorgenti e aree di sosta.


7) Gennargentu
Punto di partenza: S’Arena
Punto di arrivo: Arcu Gennargentu
Lunghezza percorso: 5.3 Km
Tempo medio di percorrenza: 1 h 50 m
Dislivello: 149 m


L’inizio del sentiero si raggiunge percorrendo la strada comunale che parte dal passo di Tascusì. Il sentiero è attualmente molto frequentato dagli escursionisti per raggiungere “Punta La Marmora”, vetta più alta della Sardegna. Infatti, in località “Arcu Gennargentu”, si incrocia il Sentiero Italia che porta alla vetta. Questo tracciato è molto suggestivo non solo per i panorami offerti che lo rendono unico, ma anche perché si possono ammirare diversi endemismi e non è raro incrociare mufloni e avvistare l’aquila reale. Sono inoltre presenti sul percorso diverse sorgenti e due aree di sosta.


8) Girgini
Punto di partenza: Bau ‘e Jacca
Punto di arrivo: Arcu Genna Eragas
Lunghezza percorso: 6.7 Km
Tempo medio di percorrenza: 2 h
Dislivello: 125 m


Al sentiero si accede attraverso una stradina comunale asfaltata che parte da Desulo e che, in località Arcu ‘e Guddetorgiu, interseca la Strada consortile Cossatzu-Tascusì. Il percorso fa parte del vasto circuito denominato “Periplo del Gennargentu”. Il sentiero è molto suggestivo in quanto attraversa la foresta di Girgini e passa in prossimità dei tacchi di “Su Toni ‘e Girgini” e “Genna Eragas”, uniche formazioni calcaree del cuore del Gennargentu. Lungo il tragitto si attraversano zone ad attività pastorale e in località “Sa sedda ‘e s’ena”, in prossimità dell’incrocio col sentiero 722, è presente un’area di sosta attrezzata.


Carta 5. Gennargentu

La vetrina delle Aziende Sarde
Esemplari di cinghiale (Sus scrofa meridionalis)
Esemplari di muflone (Ovis orientalis musimon)
Inaugurazione del Rifugio La Marmora.
Gennargentu
Agrifoglio (Ilex aquifolium)
Sorgente Gennargentu.
Gennargentu Aquila reale con preda

Home Page | Località Sarde | Piatti Tipici | Cultura Sarda | Territorio | Spazio Aziende | Musica Sarda | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu