Menu principale:

Le Vie della Sardegna :: partendo da Sassari Turismo, Sagre Paesane, Cultura e Cucina Tipica Sarda. Turismo in Sardegna, itinerari enogastrononici e culturali. B&B, Agriturismi, Hotel, Residence, Produttori Prodotti Tipici, informazioni e itinerari su dove andare, cosa vedere, dove mangiare, dove dormire sul Portale Sardo delle Vacanze. Tutto per le tue Vacanze in Sardegna. Informazioni turistiche e curiosità sui comuni della Sardegna e le attrattive turistiche offerte nei vari territori isolani.


Vai ai contenuti

La Cavalcata Sarda :: informazioni storiche e turistiche. Manifestazione folcloristica del maggio sassarese ricca di eventi e appuntamenti, scopri i percorsi e i protagonisti di questo evento della città di Sassari sul Portale Le Vie della Sardegna.

Cultura Sarda > Sagre, Manifestazioni Sacre e Popolari


Foto Originali Cavalcata Sarda 18 maggio 2014 del Portale Le Vie della Sardegna

La Cavalcata Sarda

La penultima domenica di maggio la città di Sassari è teatro di una delle più importanti rassegne folkloristiche della Sardegna. La manifestazione è una preziosa occasione per ammirare, in un percorso che si snoda lungo le strade del centro storico, i magnifici colori degli abiti e dei gioielli tradizionali dei paesi di quasi tutta l'isola. È una cerimonia diversa, profana, dove non è la religione protagonista, ma lo sono proprio i costumi, i canti, i suoni, le danze e soprattutto i cavalieri con le loro spettacolari acrobazie.
La Cavalcata, giunta nel 2006 alla sua centosettesima edizione, nella sua versione odierna ricorda la celebre sfilata organizzata il 20 aprile 1899 in onore di Umberto I di Savoia e sua moglie Margherita, giunti nel capoluogo del Capo di Sopra per l'inaugurazione del monumento a Vittorio Emanuele II. Nella sua "Storia di Sassari", però, Enrico Costa ricorda che già nel 1711, negli ultimi anni di dominazione spagnola, il Consiglio Comunale deliberò una "cavalcata" in onore del re Filippo V, cui partecipò tutta la nobiltà sassarese orgogliosa di mettere in mostra i propri costumi e tradizioni. Solo dagli anni '50, in realtà, la manifestazione ha assunto un carattere prevalentemente turistico, arrivando a diventare uno degli appuntamenti più importanti del folklore in Sardegna, insieme a
Sant'Efisio a Cagliari e al Redentore a Nuoro. La manifestazione si apre con la sfilata mattutina, cui partecipano gruppi provenienti da tutta la Sardegna, con migliaia di figuranti in abito tradizionale che procedono a piedi, sulle traccas (i caratteristici carri addobbati con fiori e oggetti della quotidianità) o a cavallo in un itinerario che attraversa tutta la città, dalla periferia fino a Piazza d'Italia. Il pomeriggio i visitatori possono, invece, assistere alle acrobazie dei cavalieri che si lanciano in una corsa sfrenata in ardite pariglie, secondo una consuetudine ormai radicata nei secoli con cui gli uomini sardi dimostrano la loro destrezza e forza. Infine, la sera i gruppi, che hanno partecipato alla processione, si ritrovano in Piazza d'Italia per esibirsi sulle note di launeddas e fisarmoniche nei tipici balli sardi. Una giornata di festa, in cui l'identità del popolo sardo si concretizza in una tavolozza infinita di colori, di sonorità senza tempo e acrobazie audaci. Un'atmosfera familiare e affascinante che sorprende ogni anno e rende immortali usi e costumi di questa terra magica.

Potrebbe interessarti:


Cavalcata Sarda 2015 sta arrivando, appuntamento del maggio sassarese 2015, Eventi a Sassari 2015, turismo a Sassari, Cavalcata Sarda 2015.

La Cavalcata Sarda 2016





La tradizionale sfilata di costumi sardi compie quest’anno
67 anni. La Cavalcata Sarda, appuntamento irrinunciabile del maggio sassarese, affonda le sue radici storiche nel lontano 1899, anno in cui si svolse la prima sfilata organizzata in onore della visita in città del re Umberto I e della regina Margherita. La Cavalcata Sarda rappresenta insieme alla Festa dei Candelieri, l’evento turistico più importante della città. Anche quest’ anno l’Amministrazione comunale ha scelto di promuovere la manifestazione con la nuova e rinnovata campagna di comunicazione che ha riscosso un notevole successo, sia per il messaggio contenuto nella scelta dell’immagine, sia per lo slogan che l’accompagna: “C’è qualcosa di più profondo del nostro mare”. La campagna mette in evidenza lo spirito stesso della Cavalcata, ovvero mostrare la Sardegna nel profondo, al di là delle bellezze naturali. Un invito a scoprire l’essenza e l’orgoglio di un’isola, che non è soltanto mare. L'immagine, attraverso l'issohadores, fa una promessa: nessuno alla Cavalcata Sarda sarà spettatore.




Il mese di maggio registra infatti, già da qualche anno, un picco di presenze turistiche in città, quasi pari a quello dei mesi estivi (luglio e agosto): nel 2012 i mesi di inizio e fine stagione - maggio e settembre - hanno registrato un discreto numero dei contatti registrati all’Infosassari. Il 2011 registrava un totale di 2.077 contatti, mentre il 2012 nè ha registrato 2.060 (dati Infosassari). In particolare a maggio del 2011 i contatti registrati in città dall’Infosassari erano 1.105, mentre nel 2012 2.060 (nel 2010 nello stesso mese erano 507), con una prevalenza di turisti stranieri provenienti dalla Francia, dalla Spagna e dalla Germania. I motivi delle visite in città sono legati essenzialmente all’offerta culturale, seguita dalla presenza del mare e dalle bellezze naturali offerte dal territorio.

Evento di rilievo del maggio sassarese l'attesissima Cavalcata Sarda che quest'anno il
22 maggio, taglierà il nastro delle 67 edizioni. Oltre un secolo è passato dal quel lontano 1899, anno della prima Cavalcata Sarda organizzata in onore della visita in città del Re Umberto I e della Regina Margherita, eppure la manifestazione conserva ancora il fascino di un tempo. La penultima domenica di maggio, da tutti i paesi della Sardegna partono alla volta di Sassari, per l’annuale imperdibile appuntamento, centinaia di cavalieri e amazzoni, oltre 3.000 persone vestite con l’abito tradizionale che animeranno una delle più ricche e sorprendenti sfilate dell’Isola.

Ritorna con i mille colori degli abiti della Sardegna, la musica e i balli tradizionali della nostra isola, i cavalli con i loro ornamenti, i cavalieri e le pariglie. È la
67esima edizione della Cavalcata sarda che con tutte le sue manifestazioni di contorno, dal 20 al 22 maggio, regalerà ai sassaresi e ai numerosi visitatori attesi uno spettacolo unico nel suo genere.



Dal 20 al 22 maggio / ore 16.00 • Piazza Castello
“Pani di Sardegna”

> ore 18.30 - Piazza Castello
Pani di Sardegna in collaborazione con Container Allestimenti.

Gli aromi e i sapori della tradizione ritornano in Piazza Castello per l’appuntamento gastronomico della Cavalcata Sarda, giunto quest’anno alla quarta edizione. Dal
20 al 22 maggio, Pani di Sardegna sarà il punto di riferimento per gli amanti delle tipicità culinarie dell’Isola. Per tre giorni negli stand faranno la loro comparsa pane a fitas, focaccia con purpuza, lasagna di carasau con melanzane, panadas e seadas, oltre a buon pane a lievitazione naturale preparato in loco con farine di semola e cotto nei forni a legna sistemati in piazza per l’occasione.
Novità di quest’anno, sarà presente Villaurbana Città del Pane come ospite d’onore.
Sabato 21 i giovani cuochi di LabocuciSardegna - che mirano a una cucina sarda innovativa con l’utilizzo di materie prime locali – dal primo pomeriggio fino a notte proporranno la loro interpretazione del pane tradizionale sardo. Alle 17 si terrà il laboratorio del gusto sul pane a cura di Tommaso Sussarello.
L’orizzonte cerealicolo anche quest’anno si estende alle produzioni di pasta e di birra artigianale, e a numerosi prodotti tipici.
Il concorso riservato ai gruppi aderenti alla sfilata ha già portato in Promocamera una giuria di esperti, che sono al lavoro per selezionare i migliori prodotti in gara analizzando non solo l’aspetto estetico, ma soprattutto le caratteristiche organolettiche, olfattive e gustative. I riconoscimenti saranno consegnati domenica sul palco di Piazza D’Italia dalle mani del sindaco di Sassari. Sarà inoltre assegnato il Premio speciale Acqua San Martino riservato al primo classificato.

Venerdì 20 maggio / ore 18.00 Monte d'Accoddi
Note di Sardegna a Monte d’Accoddi
> ore 18.00 - Monte D’Accoddi ex SS 131 Km 222,200
Rassegna di canti e danze tradizionali della Sardegna
Note di Sardegna a Monte d’Accoddi
Presenta Giuliano Marongiu
Venerdì 20 maggio, andrà in scena una tra le più attese iniziative di contorno: l'appuntamento con la musica tradizionale sarda all'altare prenuragico di Monte d’Accoddi. Alle 18, a presentare la serata
“Note di Sardegna a Monte d’Accoddi” sarà Giuliano Marongiu. L’altare prenuragico di Monte d’Accoddi, esemplare unico in tutto il Mediterraneo, offre la cornice ideale per l’VIII edizione di una serata speciale di musica, canti e danze tradizionali della Sardegna.
Due le sezioni della manifestazione,
Voci e suoni di Sardegna e Miti e riti dell'Isola.

Per la prima sezione
Voci e suoni di Sardegna interverranno:
Roberto Tangianu, il Coro Polifonico “Atzara”, il Coro Polifonico Femminile “Tonara” e il Coro “Su Cuncordu ‘E Sette Dolores”.

Nella seconda sezione
Miti e riti dell'Isola saranno protagoniste le maschere tipiche della Sardegna:
Maschera Boes e Merdules, Maschera Sa Maschinganna e Sa Majaja, Maschera di Olzai, Maschera Mamutzones e Maschera S’Ainu Orriadore.

È previsto un servizio di bus navetta gratuito fino a 100 posti, con partenza da corso Regina Margherita, angolo emiciclo Garibaldi, alle ore 17.15.


Venerdì 20 maggio / ore 21.00 Piazza d'Italia
Trimpanu Festival Internazionale

> ore 21.00
Trimpanu Festival Internazionale
“World Music” 11^ edizione
in collaborazione con Associazione Kuntzertu.

Venerdì 20 maggio, alle ore 21, in piazza d'Italia si svolgerà la rassegna di musica etnica “Trimpanu 2016” in collaborazione con l'associazione Kuntzertu”. Per la sua undicesima edizione, Trimpanu celebra importanti esponenti della World music nazionale: Calatia (Campania) etno-rock, Yo Yo Mundi (Piemonte) folk-rock d’autore. La rassegna, come sempre inserita nella manifestazioni della Cavalcata Sarda, è ormai un appuntamento atteso nella prestigiosa cornice di Piazza Italia.

Trimpanu, alla sua undicesima edizione, il 20 maggio propone un viaggio nella World Music, nelle sue più svariate declinazioni. Nella consueta cornice di piazza d'Italia alle 21 si esibiranno i Calatia, band casertana fra le più interessanti del panorama italiano e lo storico gruppo alessandrino degli Yo Yo Mundi, che da sempre abbinano un accattivante folk-rock ad atmosfere proprie della canzone d'autore. I primi, finalisti nell'ultima edizione del Premio Andrea Parodi, combinano i suoni rurali della terra di provenienza, il Casertano, la cosiddetta “Terra di Lavoro”, con suoni più propriamente rock, dimostrando come tamburelli e chitarre elettriche, mandolini e testi ricercati e contemporanei, tammurriate e chitarre elettriche, possano convivere dando luogo a suoni che in egual misura siano debitori al folklore e al rock.
Yo Yo Mundi ritornano in Sardegna dopo tanti anni per presentare il loro nuovo disco “Evidenti Tracce di Felicità”, già salutato dalla critica come uno dei migliori dischi dell'anno. La loro miscela di atmosfere “folky” e di canzone d'autore è diventata, in oltre vent'anni di attività, un modello sonoro con cui molte band si sono dovute misurare. Un suono inconfondibile, basato sulla combinazione fra la fisarmonica e le chitarre.
La serata, vede la collaborazione del
Gruppo Emergency di Sassari, che avrà il proprio stand per la diffusione del proprio materiale e per una raccolta fondi.


Sabato 21 maggio
> ore 18.00 - Piazza d’Italia
Rassegna dei canti e delle danze
Presenta Giuliano Marongiu
tradizionali della Sardegna


Cavalcata Sarda
Domenica 22 maggio ore 9.00 - Partenza da Corso Margherita di Savoia
> ore 9.00 - Partenza da Corso Margherita di Savoia
Sfilata dei costumi tradizionali della Sardegna

Lo Spettacolo delle Pariglie
Domenica 22 maggio ore 18.00 - Ippodromo Pinna

> ore 16.00 - Ippodromo Pinna
Spettacolo di Pariglie

Rassegna dei canti e delle danze
Domenica 22 maggio ore 18.00 - Piazza d'Italia

> ore 18.00 - Piazza d’Italia
Presenta Giuliano Marongiu
Rassegna dei canti e delle danze tradizionali della Sardegna




Donna in costume sardo
Donna in costume sardo
Cavalcata Sarda dal 20 al 22 maggio 2016 Sassari
La Cavalcata sarda, Sassari 1921
La Cavalcata sarda, Sassari 1921
Sassari dal 20 al 22  maggio Cavalcata Sarda 2016, There is something deeper than our sea.

La “67^ Edizione della Cavalcata Sarda”
Sassari, Domenica 22 maggio 2016

La “festa della bellezza”, questo il titolo che la manifestazione si è guadagnata nel tempo, offrirà ai sassaresi e ai numerosi visitatori attesi uno spettacolo unico nel suo genere, con oltre tremila costumi in rappresentanza dei comuni di tutta l’isola. Un evento indimenticabile di colori e suoni. La sfilata sarà composta da figuranti in costume, seguiti dalle coppie a cavallo e un imponente corteo di oltre 250 cavalieri provenienti da tutta la Sardegna. La partenza è prevista alle ore 9 da corso Regina Margherita di Savoia da dove proseguirà per via Asproni, quindi via Roma, piazza d’Italia, portici Bargone e Crispo, via Cagliari, via Brigata Sassari, emiciclo Garibaldi, viale Italia, per terminare in viale Mancini angolo via Manno.


I NUMERI DELLA CAVALCATA SARDA 2016


I gruppi folk


Gruppi folk che partecipano alla 67esima edizione della Cavalcata Sarda:


73 gruppi folkloristici::

  • 23 della provincia di Sassari
  • 16 della provincia di Oristano
  • 23 della provincia di Nuoro
  • 11 della provincia di Cagliari


24 gruppi a cavallo da 24 comuni diversi per un totale di 252 cavalieri;

48 coppie a cavallo, 33 della provincia di Sassari, 2 della provincia di Oristano e 13 della provincia di Nuoro.

8 i gruppi delle pariglie che si esibiranno all'ippodromo Pinna di Sassari.

I gruppi a cavallo


Sfileranno
24 gruppi a cavallo. I purosangue che attraverseranno le vie cittadine saranno 252.

Musica, balli e canti

Venerdì 20 maggio Altare prenuragico di Monte d’Accoddi
SERATA A MONTE D'ACCODDI CON MASCHERE E ARTISTI SARDI
Note di Sardegna a Monte d’Accoddi
Presenta
Giuliano Marongiu

Anche per quest’edizione l’Amministrazione Comunale ha scelto di celebrare l’evento promuovendo per venerdì 20 maggio una serata di canti e balli nella suggestiva cornice dell’altare preistorico di Monte d’Accoddi. L’altare prenuragico di Monte d’Accoddi situato in un’area pianeggiante a breve distanza dal mare, esemplare unico in tutto il Mediterraneo, offre la cornice ideale per una serata speciale di musica, canti e danze tradizionali della Sardegna e del mondo. Alle 18, a presentare la serata “Note di Sardegna a Monte d’Accoddi” sarà Giuliano Marongiu. L’altare prenuragico di Monte d’Accoddi, esemplare unico in tutto il Mediterraneo, offre la cornice ideale per l’VIII edizione di una serata speciale di musica, canti e danze tradizionali della Sardegna. Due le sezioni della manifestazione, Voci e suoni di Sardegna e Miti e riti dell'Isola.


VOCI E SUONI DI SARDEGNA

Interverranno:

  • Roberto Tangianu
  • il Coro Polifonico “Atzara”
  • il Coro Polifonico Femminile “Tonara”
  • il Coro “Su Cuncordu ‘E Sette Dolores”


MITI E RITI DELL’ISOLA

  • Maschera Boes e Merdules
  • Maschera Sa Maschinganna e Sa Majaja
  • Maschera di Olzai,
  • Maschera Mamutzones e Maschera S’Ainu Orriadore



È previsto un servizio di bus navetta gratuito fino a 100 posti, con partenza da corso Regina Margherita, angolo emiciclo Garibaldi, alle ore 17.15.



L'appuntamento in Piazza d'Italia

Sabato 21 e domenica 22 maggio ritorna il consueto appuntamento con la Rassegna di canti e danze tradizionali della Sardegna: in piazza d’Italia a partire dalle 18.00 si esibiranno i gruppi partecipanti che proporranno il meglio del repertorio musicale e coreografico isolano.





Sabato 21 maggio PIAZZA D’ITALIA ore 18.00 - 24.00
RASSEGNA DI CANTI E DANZE POPOLARI DELLA SARDEGNA
Inoria Bande
Gruppo Folk “Acuvacamus” di Sassari
“Boghes de Logudoro” di Usini
Gruppo Folk “Santu Miali” di Padru
Gruppo Folk “Kellarious” di Selargius
“Coro Carrales” di Cagliari
Coro di Ittiri
Gruppo Folk “Nugoresas” di Nuoro
Gruppo Folk “Sa Sardigna Ballendi” di Maracalagonis
Tenore “Su Contrattu” di Seneghe
Gruppo Folk “Montiferru” di Scano Montiferro
Coro “Nugoro Amada” di Nuoro
Amici del Canto Sardo di Sassari
Gruppo Folk Esporlatu
Roberto Tangianu
Gruppo Folk “Valenza” di Nuragus
Tenore “Santu Larettu” di Silanus
Gruppo Folk “San Gabriele” di Villagrande Strisaili
Coro “Su Romanesu” di Romana
Coro Polifonico Femminile “Ilune” di Dorgali
Coro Boghes Noas di Ossi
Gruppo Folk “San Giorgio” di Usini
Coro “Città di Ozieri” di Ozieri
“Su Cuncordu Banaresu” di Banari
“Su Coro de Piaghe” di Ploaghe
Gruppo Folk “Sas Bonorvesas” di Bonorva
Coro Baronia di Torpè
Coro “Antoninu Paba” di Giave
Gruppo Folk “Sant’Antioco di Bisarcio” di Ozieri
Coro Logudoro di Usini
Coro “Renato Loria” di Muros
Coro di Codrongianos
Gruppo Folk “Sa Pintadera” di Sassari

Al termine della rassegna i gruppi con il pubblico potranno danzare insieme.

Domenica 22 Maggio PIAZZA D’ITALIA - ORE 18.00
RASSEGNA DI CANTI E DANZE POPOLARI DELLA SARDEGNA
Presenta: Giuliano Marongiu
Inoria Bande
Gruppo Folk “Thathari” di Sassari
Gruppo Folk “Santa Chiara” di Cossoine
Gruppo Folk “Gli Scalzi” di Cabras
Gruppo Folk “San Biagio” di Villasor
Gruppo Folk “Oleri” di Ovodda
Gruppo Folk “San Gemiliano” di Sestu
Gruppo Folk «Bella Mia» di Busachi
Gruppo Folk “Tradissiones Populares” di Silanus
Gruppo Folk “Pro Loco” di Samugheo
Gruppo Folk “Figulinas” di Florinas
Roberto Tangianu
Gruppo Folk “Atzara” di Atzara
Associazione “Gli Amici del Folklore” di Nuoro
Gruppo Folk “Antonia Mesina” e Tenores di Orgosolo
Gruppo Folk “Olbiese” di Olbia
Gruppo Folk “Sas Prennas” di Bitti
Tenores “Remunnu ‘e Locu” di Bitti
Gruppo Folk “Balladores” di Ollolai
Gruppo Folk “Pro Loco” di Paulilatino
Gruppo Folk “Su Gologone” di Oliena
Gruppo Folk “Santa Rughe” di Orosei
Gruppo Folk “Biddobrana” di Villaurbana
Tenores San Gavino di Oniferi
Coro “Ortobene” di Nuoro
Gruppo Folk “Ortobene” Nuoro
Gruppo Folk “Onnigaza” di Ghilarza
Gruppo Folk “Bottidda” di Bottidda
Gruppo Folk “Brathallos” e “Cuncordu
Gennargentu” di Fonni
Gruppo Folk “Ittiri Cannedu” di Ittiri
Tenore “Santa Sarbana” di Silanus
Gruppo Folk “Tradizioni Popolari” Villanova Monteleone
Coro di Uri
Coro di Usini
Gruppo Folk “San Paolo” di Codrongianus
Gruppo Folk “A Manu Tenta” di Osilo
Gruppo Folk “Santa Maria de Bubalis” di Siligo
Gruppo Folk “Salvatore Manca” di Ploaghe
“Su Cunsonu Thiesinu” di Thiesi
Gruppo Folk “Città di Sennori”
Gruppo Folk “Nostra Signora de Contra” di Cargeghe
Gruppo Folk “Centro Cultura Sassarese” di Sassari


Cifre a cavallo dei secoli
La Cavalcata Sarda compie quest’anno sessantasei anni. La sfilata è diventato un appuntamento irrinunciabile dal 1951, anno in cui Sergio Costa, allora presidente dell’Ente provinciale per il turismo, decise di riesumare una vecchia tradizione isolana, quella di accogliere gli ospiti con una sfilata in costume. Era già accaduto almeno 4 volte nella storia della città:

  • nel 1711, quando il Consiglio comunale organizzò una sfilata con veglione in occasione della visita di Filippo V, sovrano di Spagna;
  • celebre quella che si svolse nel 1796, quando Giovanni Maria Angioy fece il suo storico e trionfale ingresso al termine della rivolta antifeudale;
  • un altro sovrano, Umberto I di Savoia, fu testimone nel 1899 della prima cavalcata “moderna” vera e propria, di cui rimangono vecchie struggenti foto in bianco e nero. Si trattò di un evento storico, perché in quell’ occasione venne inaugurato il monumento a Vittorio Emanuele II, che è diventato uno dei simboli di Sassari insieme alla piazza che lo ospita.
  • Ancora un Vittorio Emanuele, il III°, nel 1929 assistette all’ultima Cavalcata “occasionale”, insieme alla regina Elena.



Domenica 22 maggio: Sfilata della “67^ Edizione della Cavalcata Sarda”
Percorso Cavalcata Partenza alle ore 9.00 da c.so Regina Margherita di Savoia, lungo via Asproni, via Roma, piazza d'Italia, portici Bargone e Crispo, Via Cagliari, via Brigata Sassari, Emiciclo Garibaldi, Viale Italia, per terminare in viale Mancini angolo via Manno.


L’ORDINE DI SFILATA

  • MOTOCICLISTI POLIZIA MUNICIPALE
  • BANDE MUSICALI:
  • Banda musicale “Città di Sassari”
  • Corpo bandistico “Luigi Canepa”
  • CARABINIERI A CAVALLO in alta uniforme
  • POLIZIA DI FORESTA BURGOS A CAVALLO in alta uniforme
  • GONFALONE della Città di Sassari
  • GREMIO DEI MASSAI


PROVINCIA DI SASSARI (23 + 2 carri a buoi)
SASSARI - Inoria Bande
URI - Gruppo Folk “Santa Rughe”
PLOAGHE - Gruppo Folk “Salvatore Manca”
COSSOINE - Gruppo Folk “Santa Chiara”
CODRONGIANUS - Associazione Folklorica “San Paolo Codrongianus”
SENNORI - Gruppo Folk “Città di Sennori”
BULTEI - Gruppo Folk “Tradizioni e Balli di Bultei”
SILIGO - Gruppo Folk “Santa Maria de Bubalis”
VILLANOVA MONTELEONE - Gruppo Folk “Tradizioni Popolari”
OSSI - Gruppo Folk “Città di Ossi”
BONNANARO - Gruppo Folk “Bonnanaro”
NULE - Gruppo Folk “Su Furione”
CARGEGHE - Gruppo Folk “Santa Maria de Contra”
ITTIRI - Associazione Culturale “Ittiri Cannedu”
BOTTIDDA - Gruppo Folk “Bottidda”
OSILO - Gruppo Folk “A Manu Tenta”
FLORINAS - Gruppo Folk “Figulinas”
THIESI - Gruppo Folk “Pro Loco” e Carro a buoi
SASSARI - Gruppo Folkloristico “Gurusele”
SASSARI - Gruppo Folkloristico “San Nicola”
SANTA TERESA DI GALLURA - Nuovo Gruppo Folk “Lungoni”
PADRU - Gruppo Folk “Santu Miali”
TEMPIO PAUSANIA - Accademia Tradizioni Popolari “Città di Tempio” e Carro a buoi.

PROVINCIA DI ORISTANO (16)
ORISTANO - Gruppo Folkloristico “Città di Oristano”
ORISTANO - Tamburini e Trombettieri della Sartiglia
MILIS - Gruppo Folk “Milis Pizzinnu”
BUSACHI - Gruppo Folk “Busachi Bella Mia”
MOGORO - Gruppo Folk “Su Sticcau”
CABRAS - Gruppo Folk “Gli Scalzi”
GHILARZA - Gruppo Folk “Onnigaza”
SERRENTI - Gruppo Folk “Santa Vitalia”
LACONI - Gruppo Folk “Sant’Ignazio da Laconi”
PAULILATINO - Gruppo Folkloristico “Pro Loco”
MARRUBIU - Gruppo Folk “Santa Marriedda”
SAMUGHEO - Gruppo Folk “Pro Loco”
VILLAURBANA - Gruppo Folk “Biddobrana”
GUSPINI - Gruppo Folk “Montegranatico”
GONNOSFANADIGA - Gruppo Folk “Pro Loco”
TUILI - Gruppo Folk “Sa Jara”

PROVINCIA DI NUORO (23)
NUORO - Gruppo Folk “Ortobene”
FONNI - Gruppo Folk “Sos Brathallos”
FONNI - Associazione Maschere “Urthos e Buttudos”
BITTI - Gruppo Folk “Sas Prennas”
ATZARA - Gruppo Folk “Atzara”
SORGONO - Associazione Culturale “Is Arestes e S’Urtzu Pretistu”
DORGALI - Gruppo Folk “Don Milani”
OVODDA - Gruppo Folk “Oleri”
OTTANA - Associazione Culturale “Merdules Bezzos de Otzana”
SILANUS - Gruppo Folk “Tradissiones Populares”
OLIENA - Gruppo Folk “Su Gologone”
ORANI - Gruppo Folk “Orani” con Associazione Maschere “Su Bundu”
OROSEI - Gruppo Folk “Santa Rughe”
ORGOSOLO - Gruppo Folk “Antonia Mesina”
OLLOLAI - Gruppo Folk “Balladores”
OROTELLI - Associazione Culturale Maschere Etniche “Thurpos “
ORUNE - Gruppo Folk “Santa Lulla”
TIANA - Gruppo Folk “Santu Leo”
MAMOIADA - Associazione Culturale “Atzeni Mamuthones e Issohadores”
LANUSEI - Associazione Culturale “Lanusei Cultura e Folklore”
LOTZORAI - Associazione Culturale “Tradizioni Popolari”
JERZU - Associazione Culturale Folkloristica “Josto Miglior”

PROVINCIA DI CAGLIARI (11)
CAGLIARI - Gruppo Folk “Quartiere Villanova”
SESTU - Gruppo Folk “San Gemiliano”
VILLASOR - Gruppo Folk “San Biagio”
QUARTU SANT’ELENA - Associazione Folk Culturale “Su Idanu”
PULA - Gruppo Folk “Nora”
SELARGIUS - Gruppo Folk “Kellarious”
IGLESIAS - Gruppo Folk “Città di Iglesias”
SANT’ANTIOCO - Associazione Culturale “Isola di Sant’Antioco”
DOMUSNOVAS - Gruppo Folk “Sant’Ignazio”
PORTOSCUSO - Gruppo Folk “Sa Turri”
FLUMINIMAGGIORE - Associazione “Flumini Major”

GRUPPI A CAVALLO (24)
Amazzoni di Bitti,
Pattada,
Santu Lussurgiu,
Oliena,
Abbasanta,
Ovodda,
Paulilatino,
Benetutti,
Bono,
Ghilarza,
Bultei,
Cavalieri dell’Alto Oristanese,
Macomer,
Sedilo,
Bonnanaro,
Osidda,
Scano di Montiferro,
Sestu,
Quartu Sant’Elena,
Bortigali,
Bosa,
Nulvi,
Osilo,
Bonorva.


Consigli per lo spettatore

  • Non ostruire il passaggio dei gruppi e dei cavalieri
  • Non avvicinarti ai cavalli
  • Tieni sempre sotto controllo i bambini
  • Rispetta le aree delimitate, non inserirti nel corteo, non sederti sul marciapiede
  • Ascolta i consigli delle forze dell’ordine e degli organizzatori
  • In caso di eccessiva calura ripara dal sole la testa e bevi acqua in abbondanza, che potrai avere gratuitamente nei punti di fornitura d’acqua potabile
  • Potrai ricevere informazioni e materiali sulla Cavalcata e su Sassari presso lo stand infosassari del Comune allestito in Piazza Castello.



Percoso Sfilata Cavalcata Sarda, il percorso ufficiale della Cavalcata Sarda a Sassari.
La Cavalcata sarda, Sassari 1921
La Cavalcata sarda, Sassari 1921
Cavalcata Sarda, informazioni turistiche, curiosità, sassari turismo, turismo sassari, usi e costumi, sagre sassari.

Le MANIFESTAZIONI COLLATERALI



Le PARIGLIE

L'ippodromo Pinna ospiterà domenica 22 maggio 2016 a partire dalle 16.00 il tradizionale appuntamento con le Pariglie manifestazione organizzata dalla Società Ippica Sassarese dove si potrà ammirare il consueto spettacolo con strabilianti coreografie. La presentazione e l'intrattenimento musicale sarà curato dalla cantante Silvia Sanna.



LE BANCARELLE
Il sabato pomeriggio del 21 e la domenica del 22 maggio 2016
Anche quest'anno è prevista la realizzazione di una grande area mercatale: sono stati assegnati 358 stalli. Quest'anno saranno presenti anche 79 ambulanti in tutta via Enrico Costa e in piazza Fiume saranno 19. All'emiciclo saranno presenti 28 stalli non commerciali delle associazioni di volontariato e culturali.


Cavalcata Sarda, informazioni turistiche, curiosità, sassari turismo, turismo sassari, usi e costumi, sagre sassari.
La vetrina delle Aziende Sarde
Tutto quello che c'è da sapere sulla Cavalcata Sarda 2016. Informazioni turistiche e curiosità sulla Cavalcata Sarda di Sassari dal 20 al 22 maggio 2016.

Home Page | Località Sarde | Piatti Tipici | Cultura Sarda | Territorio | Spazio Aziende | Musica Sarda | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu