Menu principale:

Le Vie della Sardegna :: partendo da Sassari Turismo, Sagre Paesane, Cultura e Cucina Tipica Sarda. Turismo in Sardegna, itinerari enogastrononici e culturali. B&B, Agriturismi, Hotel, Residence, Produttori Prodotti Tipici, informazioni e itinerari su dove andare, cosa vedere, dove mangiare, dove dormire sul Portale Sardo delle Vacanze. Tutto per le tue Vacanze in Sardegna. Informazioni turistiche e curiosità sui comuni della Sardegna e le attrattive turistiche offerte nei vari territori isolani.


Vai ai contenuti

Oristanese Le Vie del Gusto :: L’Oristanese è famoso per la fierezza delle sue donne, eredi della nobile tradizione della giudicessa Eleonora, per i frutti dei pescosi stagni, dalla bottarga di Cabras alle cozze di Arborea, e per la sua pregiata Vernaccia.

Piatti Tipici > Itinerari Enogastronomici in Sardegna


Divisorio Le Vie della Sardegna

Oristanese Le Vie del Gusto

UNA TERRA DI TESORI GASTRONOMICI
"Alla scoperta delle più preziose delizie per il palato: dalla bottarga,
“il caviale dei sardi”, alla dorata Vernaccia, dalle saporite carni della razza
sardo-modicana a un olio extravergine tra i più profumati d’Italia"
DI DANIELE CASALE E EMILIANO FARINA

"Fu il primo giorno del mese di maggio, con un tempo magnifico, che visitai gli orti, o piuttosto la foresta, d’aranci di Milis, quest’ornamento della Sardegna che conta più di 50.000 alberi e la cui vicinanza mi fu annunciata da una brezza profumata. (...). Uno strato solido di fiori d’arancio copriva il suolo (...). L’abbondanza dei frutti è prodigiosa: lunghi bastoni e sarmenti sostengono i rami piegati, spesso, sotto il carico delle arance e dei limoni, che non ammontano mai, in un’annata media, a meno di dieci milioni”.
Il bibliotecario del re di Francia a Versailles Antoine Valéry (1789-1847) fu soltanto uno dei tanti viaggiatori che, tra il Settecento e i primi decenni del Novecento, visitarono la Sardegna e rimasero incantati dall’imponenza degli agrumeti di Milis, impiantati nel 1300 dai frati camaldolesi e ancora oggi, per il sapore dei loro frutti, tra i più pregiati dell’isola. Comincia dalle arance di Milis, quei “globi rossi o dorati” ai quali Valéry dedica un intero capitolo nel suo Viaggio in Sardegna, l’itinerario tra sapori, aromi e gusti nella provincia di Oristano, la più piccola della Sardegna (2631 chilometri quadrati e 160 mila abitanti sparsi in 78 comuni). È anche la meno pubblicizzata nei circuiti turistici internazionali, ma quella che offre al suo visitatore pietanze eccellenti e tra le più raffinate: dalla bottarga di Cabras alle cozze e arselle di Arborea e Marceddì, dall’olio extravergine di Seneghe ai dolci mostaccioli di Oristano, fino ad arrivare ai vini fra cui la pregiata Vernaccia. Ogni prodotto di questa zona ha alle spalle una tradizione antichissima, secolare o millenaria, e con il passare del tempo è riuscito a conservare il gusto originario. Il mare e la montagna, la mitezza del clima e una terra fertile bagnata dal Tirso, il fiume più lungo dell’isola, hanno sapientemente “modellato” i piatti di una cucina semplice di fattura ma allo stesso tempo genuina e ricca di sapore.
Dalle pianure del piccolo centro di Milis, meta tra gli altri di Vittorio Emanuele II e di scrittori come Honoré de Balzac, Grazia Deledda e Gabriele D’Annunzio, ai pascoli del Montiferru, il viaggio è breve. In questo altopiano basaltico, dove in tempi remoti sputava fuoco il vulcano più grande della Sardegna, ora si alleva una razza bovina – la Sardo-Modicana – le cui carni sono considerate tra le più saporite d’Italia. A donare un gusto inconfondibile, le erbe profumate dei pascoli in cui si nutrono. Siamo infatti tra i 400 e i 900 metri sul mare e il terreno di origine vulcanica fa sì che l’erba rimanga fresca anche d’estate. Qui si alleva il “bue rosso”, praticamente scomparso fino a qualche anno fa e ora così rivalutato per il gusto intenso che è diventato una vera specialità. Gli allevatori della zona sono riusciti a valorizzarlo e hanno creato un consorzio, di cui fanno parte circa 40 aziende che gestiscono una settantina di allevamenti. Gli animali vivono allo stato semibrado, alimentandosi soltanto di erba fresca. E a tavola la differenza si sente. Chi commercia o serve la carne della Sardo-Modicana consiglia di gustarla come si cucinava in altri tempi, arrosto. Dalle parti di Santu Lussurgiu, piccolo paese rinomato soprattutto per il suo artigianato, si può assaggiare un’altra specialità, sempre derivata dai bovini del Montiferru:
il casizolu, formaggio a pasta filata dalla caratteristica forma di pera, con un peso tra i 3 e i 5 chili. Anche in questo caso, una lunga tradizione fatta rivivere ha potuto salvare un prodotto destinato all’oblio. Conosciuto sin dal Medioevo e originariamente lavorato soltanto dalle donne durante l’inverno, ora fa parte della rosa delle specialità gastronomiche della zona. Fresco è ottimo per preparare i primi piatti o i dolci; stagionato diviene leggermente piccante e sa condire carni e ravioli. Altro centro del Montiferru, Sennariolo, altra specialità: qui, e soltanto qui, si produce il miele di rosmarino, arbusto tanto profumato quanto abbondante nelle pianure della Sardegna.
In una terra dove fino a cento anni fa esistevano foreste di lecci e sughere impenetrabili, la pianta simbolo rimasta è l’ulivo, da cui si produce uno degli oli più aromatici e vantati della penisola. Cuglieri e Seneghe sono i paesi che dal 1600 basano la loro economia sulla produzione dell’extravergine. Le olive vengono raccolte ancora manualmente e macinate con la spremitura a freddo, come avveniva anticamente. Questo procedimento permette all’olio di conservare quel sapore fruttato intenso, che si apprezza meglio se gustato a crudo. La qualità delle olive, il tipo di lavorazione e un aroma inconfondibile hanno regalato ai produttori vari premi e l’apertura verso mercati stranieri, come quello tedesco, francese e addirittura arabo. E Seneghe, ogni anno a maggio, diventa una vetrina nazionale dove si riuniscono i maggiori produttori d’Italia di olio di qualità. Ridiscendendo i pendii del Montiferru e avvicinandosi al mare, oltrepassata l’immensa pineta di Is Arenas, creata durante il fascismo per fermare l’avanzata del deserto che rischiava di cancellare interi paesi, si arriva a Cabras, importante centro che sorge sull’omonimo stagno; esteso per più di 2000 ettari, è il regno di una ricca avifauna e di pesce prelibato: orate, spigole e, naturalmente, muggini. Naturalmente perché Cabras è la capitale della bottarga, la sacca di uova di muggine essiccata chiamata anche il “caviale dei sardi”. “Invenzione” dei fenici, grazie agli arabi la battarikh – termine arabo che significa appunto uova salate di pesce – si diffuse dalla Sardegna in tutto il Mediterraneo. Se fino agli anni Settanta del secolo scorso era riservata a pochi, soprattutto ai pescatori e ai nobili, ora questa ambrata leccornia ha conquistato i palati e i mercati di tutto il mondo. La bottarga arricchisce con successo i primi e gli antipasti.
Ottima quella prodotta dalla ditta Smeralda: le uova vengono pulite e salate in sale marino, pressate e quindi esposte ad asciugare fino a raggiungere la giusta consistenza. La selezione per tipo e pezzatura consente di raggiungere alti standard di qualità. Del muggine di Cabras non si gustano soltanto le uova: un’altra ricetta tipica ed esclusiva è la merca (sa merca), anch’essa retaggio della tradizione culinaria della comunità della zona. Tra gli stagni di Cabras e le ampie risaie a ridosso del Tirso sorgono i vitigni ad alberello di Vernaccia, aromatico vino già conosciuto e apprezzato in età romana. Il linguista Max Leopold Wagner narra che questo vino era considerato un ottimo rimedio contro la malaria, piaga che venne debellata nella zona soltanto negli anni Trenta. La Vernaccia, dai 15,5 ai 18 gradi a seconda dell’invecchiamento, viene fatta maturare in botti di castagno o di rovere riempite a metà e lasciata riposare in ambienti di mattoni crudi non necessariamente freschi. Questo conferisce al vino un colore giallo-ambrato, un profumo delicato ma caratteristico e un retrogusto di mandorle amare: accompagna secondi di pesce e, liquoroso dopo due anni di invecchiamento, i dessert.
Quanto fosse apprezzata questa bevanda ci riferisce ancora Valéry, nel suo Viaggio in Sardegna: “Gli abitanti di Cabras, per quanto intrepidi bevitori, non si ubriacano, anzi, per loro il vizio di bere è una specie di macchia. Il vino, se non è inacidito, è caloroso. Quando capita una botte di vino di quello buono è una scena da dipingere vedere questa meravigliosa popolazione di contadini e di pescatori svuotarla in meno di un’ora, gli uni intonando canti bacchici, gli altri, più seri, gustando e dissertando”

Cartina dell'Oristanese.

Disteso intorno alla fertile vallata del Tirso, l’Oristanese è famoso
per la fierezza delle sue donne, eredi della nobile tradizione
della giudicessa Eleonora, per i frutti dei pescosi stagni, dalla bottarga
di Cabras alle cozze di Arborea, e per la sua pregiata Vernaccia.
Ma anche l’interno riserva piacevoli sorprese gastronomiche,
figlie di una tradizione genuina e ricca di sapore.

Oristano e il suo olio d'oliva.
Oristanese e l'allevamento della razza bovina – la Sardo-Modicana – le cui carni sono considerate tra le più saporite d’Italia.
Bottarga di muggine
Bottarga e Olio.
Miele di Sardegna
Olio extra vergine d'oliva di Sardegna


"Agricola Monte Arci"
Produzione miele, Fattoria Didattica, Rivendita Miele

Mi chiamo Orlando Oliva e sono il titolare della ditta ”Agricola Monte Arci”. Nel 1997 dopo aver frequentato insieme a mia moglie Roberta un corso professionale di apicoltura della durata di un anno e dopo aver ottenuto entrambi la qualifica di apicoltore, con grande entusiasmo abbiamo dato inizio alla nostra attività. A garanzia della salubrità e genuinità dei nostri prodotti vantiamo numerosi attestati di qualità ricevuti nei più importanti concorsi regionali e nazionali: Montevecchio (VS), Orgosolo (NU), Castel S.Pietro (BO), Montalcino (SI).
Informazioni
Sede legale: Via Cavour, 16 - Marrubiu (OR)
Laboratorio di confezionamento: Loc. Is Bangius Pod. n° 13 (OR)




Visualizza l'Azienda

Pessighette di Aldo Tanda, Località Pessighette, Bosa (OR)
Pessighette di Aldo Tanda, Località Pessighette, Bosa (OR)


Bed and Breakfast in Provincia di Oristano



"Archelao B&B"
L' Agriturismo Archelao è un'Azienda Agrituristica e Fattoria Didattica di Oristano. Offre ospitalità in camere che sono mini appartamenti tipo bungalow.
Visualizza la Scheda Azienda


"B&B Il Mirto "

Si trova a soli 2 km dalla centralissima Oristano vecchia città ricca di cultura e tradizione, la sua posizione strategica permette a tutti i nostri visitatori di raggiungere le più belle spiagge della zona in meno di 20 minuti.

Visualizza la Scheda Azienda


"Pessighette Dimora di Campagna"

Si trova in una bellissima posizione, nella verde vallata di Modolo, rinomata per la produzione della Malvasia di Bosa, un angolo di relax immerso nel verde ad un passo dallo splendido mare di Sardegna. Pessighette è un’elegante casa di proprietà degli anni ‘30, recentemente ristrutturata, con 4 ettari di terreno adiacente coltivato a vigneto e uliveto. Al piano superiore 3 stanze, tutte con bagno e terrazzino privato, che possono ospitare da 2 adulti a famiglie con due bambini. Si trova in località Pessighette Bosa (OR).
Per gruppi Su prenotazione possiamo organizziare pranzi, cene o degustazioni di vino Rosso e Malvasia in abbinamento a salumi, formaggi e dolci di mandorle. Possiamo ospitare fino a un massimo di 12 persone durante tutto l'anno, e un massimo di 20/25 persone nei mesi estivi, quando il clima mite permette di stare all'aperto.

Visualizza la Scheda Azienda

Agriturismo Serras d'Ala, Località Tanca Liandro - C.P.SN Solarussa (OR)
Agriturismo Serras d'Ala, Località Tanca Liandro - C.P.SN Solarussa (OR)
Agriturismo Serras d'Ala, Località Tanca Liandro - C.P.SN Solarussa (OR)

"Agriturismo Serras d'Ala"
Azienda Agricola, Bed and Breakfast, Maneggio e Pensione Cavalli, Centro Escursioni
Serras d'Ala è un vero agriturismo biologico dove si possono assapporare cibi naturali senza prodotti chimici. Il tutto accompagnato da prezzi economici, gentilezza e cortesia. Questa azienda agricola si dedica all'agricoltura biologica per ottenere prodotti sani e di qualità. L'atttivita' agricola è principalmente a carattere zootecnico, in quanto si allevano ovini; suini; bovini e animali da cortile e caseario.
Inoltre vengono coltivati ortaggi che in cucina vengono impegnati per la preparazione di ottimi piatti degustati dagli ospiti dell'agriturismo. L'azienda è anche in grado di ospitare persone che vogliono soggiornare con il proprio cavallo, in quanto la struttura dispone di box e offre pensione cavalli anche per lunghi periodi. La struttura è composta dal
Ristorante Tipico con un'ampia sala per banchetti, 7 Camere doppie, climatizzate individualmente, con bagno privato, possibilità di praticare Tiro con l'Arco ed inoltre si può praticare l'attività di Equitazione.
Informazioni
Località Tanca Liandro - C.P.SN Solarussa (OR)


Visualizza l'Azienda



Via Don Minzoni, 12 Serdiana (CA), Sede legale: via Giotto, Oristano (OR)


L’Azienda Agricola Altea Illotto nasce nel 1992 da un’idea di Maurizio Altea e Adele Illotto, agronomi ed esperti degustatori di vino e di olio extravergine d'oliva, con l'obiettivo di fare prodotti di qualità con i metodi dell’Agricoltura Biologica. L’Azienda pratica la viticoltura e l’olivicoltura rispettivamente a Serdiana (CA) nella Sardegna meridionale e a Seneghe (OR) nella Sardegna centro-occidentale.
I prodotti dell'Azienda Altea Illotto sono certificati da ICEA, Ist. Certificazione Etica e Ambientale, organismo di controllo riconosciuto dal MIPAF, che garantisce il rispetto di un preciso protocollo, che esclude nelle fasi di produzione, trasformazione e conservazione l’uso di prodotti chimici di sintesi.

Olio extravergine d'oliva
Altea Illotto

Ottenuto da un olivaggio di Bosana, Semidana e Manna coltivate nei nostri oliveti in territorio di Seneghe, rinomato per la qualita’ del suo olio. Le olive raccolte all’invaiatura e spremute con sistema continuo a freddo danno vita ad un olio verde dorato dal profumo fruttato intenso con caratteristico sentore di carciofo, che presenta in bocca un perfetto equilibrio tra fruttato, amaro e piccante. Si esprime al meglio utilizzato crudo su zuppe e minestre, con le verdure in pinzimonio e ancor di più sul pane affettato per preparare le golose bruschette dei giorni di festa.

Olio Extravergine d’Oliva da Agricoltura Biologica.
Certificato ICEA
Confezione 6 bottiglie da 0.5 lt




Altea Ilotto Olio extravergine d'oliva di Sardegna
Altea Ilotto Olio extravergine d'oliva di Sardegna

Home Page | Località Sarde | Piatti Tipici | Cultura Sarda | Territorio | Spazio Aziende | Musica Sarda | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu