Menu principale:

Le Vie della Sardegna :: partendo da Sassari Turismo, Sagre Paesane, Cultura e Cucina Tipica Sarda. Turismo in Sardegna, itinerari enogastrononici e culturali. B&B, Agriturismi, Hotel, Residence, Produttori Prodotti Tipici, informazioni e itinerari su dove andare, cosa vedere, dove mangiare, dove dormire sul Portale Sardo delle Vacanze. Tutto per le tue Vacanze in Sardegna. Informazioni turistiche e curiosità sui comuni della Sardegna e le attrattive turistiche offerte nei vari territori isolani.


Vai ai contenuti

Foreste Demaniali della Sardegna :: Come raggiungere tutte le Foreste della Sardegna, scopri i bellissimi boschi della Sardegna.

Territorio > I Monti di Sardegna > Le Foreste Sarde


Aree pic-nic ad Anela, Foreste Sardegna.
Pennellata di colori autunnali sul frassino del Limbara. Foreste Sardegna

Le Foreste della Sardegna
Le foreste che ricoprono le aree montane della Sardegna offrono numerosi sentieri percorribili spesso a piedi, in mountain bike o fuoristrada. Presidiate da cantieri forestali, e sovente dotate di aree di sosta funzionali alle visite dei turisti, le foreste sono strategicamente punteggiate di cartelli indicatori e didattici. Dal nord al sud Sardegna si dispiega un repertorio naturalistico estremamente vario che annovera, in alcune zone, una concentrazione di specie arboree non autoctone come cedri, castagni, faggi, tuie, abeti, pini americani, cipressi dell'Arizona, sequoie, in altre gli elementi tipici della macchia mediterranea.
Spesso le aree forestali sono solcate da corsi d'acqua o vivacizzate da fresche sorgenti e cascate che rendono variegati i loro scenari. Ma l'importanza delle foreste sarde risiede non soltanto nella loro ricchezza botanica e faunistica: talvolta la presenza di vestigia archeologiche quali nuraghi, tombe di giganti, domus de janas rende i percorsi estremamente interessanti per un'utenza molto diversificata.
Nei territori della Sardegna le foreste offrono quindi molti motivi di visita, che combinano le specificità geologiche e arboree di alcune aree geografiche alle particolarità ambientali e storiche, unite alla sopravvivenza di rare specie animali e testimonianze storiche.

Carta delle Foreste Demaniali della Sardegna
La vetrina delle Aziende Sarde

"I boschi e le foreste hanno un ruolo importante nella nostra vita, anche se talora non ne siamo consapevoli. Fanno parte della nostra cultura e della nostra storia. Sono il nostro “spazio libero”, lo spazio in cui attraverso l’immediatezza del godimento estetico riusciamo meglio a ritrovare noi stessi nell’armonia della natura."

Carlo Murgia Presidente
dell’Ente Foreste della Sardegna



La foresta è una ricchezza di tutti

Le foreste sono sistemi ecologici complessi che hanno un ruolo importante per le funzioni che svolgono e i servizi che forniscono alla comunità: dall’assorbimento di anidride carbonica e produzione di ossigeno, alla regolamentazione degli equilibri idrogeologici e protezione dei suoli, alla conservazione della biodiversità vegetale e animale e degli habitat naturali. Sotto il profilo economico, le foreste sono una risorsa rinnovabile e costituiscono un’importante fonte di reddito, soprattutto per le comunità dell’interno della Sardegna, nell’ambito del turismo legato al tempo libero, dello sfruttamento dei prodotti del bosco come legname, frutti, sughero, miele e funghi. Negli ultimi trent’anni si è affermata una nuova coscienza ambientale che ha favorito la riscoperta della natura e ha promosso lo sviluppo di attività “verdi”, ovvero rispettose dell’ambiente.

Le attività legate alla fruizione della foresta sono infatti molteplici:

  • ricerca scientifica
  • educazione ambientale
  • trekking
  • birdwatching, etc.


Particolare fascino rivestono gli sport in foresta: mountain bike, corsa, arrampicata, orientering, tree climbing, tarzaning. Grazie ad una sentieristica studiata nel dettaglio, le foreste sono, e lo saranno sempre più, alla portata di un pubblico che comprende ragazzi in età scolare, sportivi, escursionisti, anziani, diversamente abili e – perché no? – i “pigri”. Tutti possono apprezzare questi paesaggi unici e di ineguagliabile bellezza.

Le aree gestite dall’Ente Foreste della Sardegna (EFS)
L’Ente Foreste, con oltre 220.000 ettari di territorio gestiti (pari al 10% della superficie regionale), le 180 unità aziendali raggruppate complessi forestali, centri fauna e vivai forestali, per la cui gestione sono impegnate circa 7.000 unità lavorative, rappresenta un soggetto strategico per la gestione, tutela e valorizzazione del patrimonio ambientale della Sardegna e delle foreste in particolare. L’Ente Foreste gestisce, a vario titolo, alcune delle aree più belle della nostra isola, la cui tutela e corretta gestione sono di fondamentale importanza per la salvaguardia del territorio e della biodiversità della Sardegna. Al fine di far conoscere e rendere fruibili i territori gestiti per scuole, famiglie e tutti coloro che desiderano dedicare una giornata alla conoscenza di questi ambienti unici, della loro storia, della flora e fauna, è stata predisposta, ed è in fase di ulteriore potenziamento, una rete di sentieri, di aule didattiche, musei, strutture d’accoglienza, giardini ed arboreti. Particolare attenzione nell’organizzazione di questo servizio è stata posta nell’individuazione e valorizzazione delle peculiarità ambientali specifiche di ciascun contesto ed ancora degli aspetti legati alla gestione tradizionale del bosco ed ai suoi prodotti, al fine di rafforzare l’identità e il ruolo delle comunità locali.

L’accessibilità delle foreste
L’EFS ha avviato dunque una serie di azioni e interventi finalizzati ad estendere la conoscenza dei luoghi e l’accessibilità delle aree a tutti i cittadini, con particolare attenzione alle famiglie, alle scolaresche e al mondo della ricerca. Questo impegno ha trovato la sua applicazione nei tanti progetti finalizzati alla fruizione e all’ospitalità e nella predisposizione di materiale informativo, per diffondere la conoscenza e incentivare le visite alle foreste sarde. Tra questi si ricordano il progetto Inforesta, grazie al quale sono stati realizzati diversi Centri servizi e sentieri didattici, il progetto
Sentieri, con il recupero e valorizzazione di 76 percorsi, per un totale di circa 600 km, e l’Accordo di Programma Quadro per lo sviluppo sostenibile siglato con il Ministero dell’Ambiente, attraverso il quale sono state recuperate alcune strutture da destinare alla recettività in foresta. La maggior parte dei sentieri sono percorribili a piedi e in alcuni casi in mountain bike o a cavallo; sono segnalati con cartelli indicatori delle direzioni, dei tempi di percorrenza e del grado di difficoltà e con pannelli illustrativi sulle caratteristiche ambientali e storiche dell’area.

Quando visitare le foreste e i boschi della Sardegna
Le foreste sono visitabili tutto l’anno, tuttavia i periodi migliori sono quelli primaverili e autunnali, sia per motivi climatici che per la varietà dei colori del paesaggio e per la possibilità di osservare un maggior numero di specie di flora e di fauna.

Come visitare le aree
I compendi forestali raramente sono serviti dai trasporti pubblici, dunque il mezzo più comodo per raggiungerli è l’auto. Questa dovrà però essere lasciata nei parcheggi appositamente previsti in prossimità delle strutture di accesso e delle aree di sosta, senza quindi utilizzare spazi destinati ad altre funzioni. Le indicazioni di divieto, anche per ragioni di sicurezza, dovranno essere scrupolosamente rispettate.
Il modo migliore per visitare le foreste è certamente quello di andare a piedi, oppure in mountain bike, a cavallo o con mezzi elettrici, nei sentieri appositamente individuati dall’Ente Foreste, anche con eventuali accompagnatori e guide di sostegno ai vari gruppi.
Laddove è consentito, è possibile transitare in auto lungo le piste forestali. La bellezza e lo stato di conservazione dei luoghi sono strettamente legati anche al comportamento dei visitatori, al loro senso civico, al rispetto per quanti lavorano in foresta garantendone la salvaguardia e la fruibilità. I comportamenti scorretti o dannosi devono essere fatti notare a chi li compie e segnalati al personale di vigilanza dell’Ente Foreste.

Alcune raccomandazioni e poche regole per visitare il bosco
La foresta è un luogo che ci accoglie, ma è necessario osservare alcune regole di comportamento durante le visite o l’utilizzo delle strutture e attrezzature fruibili al pubblico. È sempre opportuno pianificare bene l’escursione valutando le condizioni meteo ed il grado di difficoltà.

È inoltre necessario:


  • Parcheggiare solamente nelle aree destinate a tale scopo.
  • Non abbandonare i tracciati principali avventurandosi nella foresta.
  • Segnalare ogni anomalia al personale di sorveglianza dell’EFS.
  • Andare in bicicletta, a cavallo o con altri mezzi solo dove consentito
  • e con le modalità indicate dal personale dell’EFS.
  • Non disturbare gli animali selvatici né dar loro del cibo.
  • Non raccogliere fiori, spezzare rami, incidere tronchi o scavare buche.
  • Non raccogliere minerali o fossili.
  • Non accendere fuochi se non nelle aree attrezzate e nei periodi consentiti.
  • Raccogliere i propri rifiuti e non abbandonarli nel bosco.
  • Evitare comportamenti rumorosi come accendere radio, gridare
  • e creare disturbo agli altri visitatori e alla fauna selvatica.
  • Campeggiare nelle apposite aree.
  • Tenere al guinzaglio gli animali da compagnia.

Buona visita!


La foresta costiera di Bidderosa, la perfetta cornice a cinque splendide calette in una delle più belle e pregiate aree costiere della Sardegna

Home Page | Località Sarde | Piatti Tipici | Cultura Sarda | Territorio | Spazio Aziende | Musica Sarda | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu