Menu principale:

Le Vie della Sardegna :: partendo da Sassari Turismo, Sagre Paesane, Cultura e Cucina Tipica Sarda. Turismo in Sardegna, itinerari enogastrononici e culturali. B&B, Agriturismi, Hotel, Residence, Produttori Prodotti Tipici, informazioni e itinerari su dove andare, cosa vedere, dove mangiare, dove dormire sul Portale Sardo delle Vacanze. Tutto per le tue Vacanze in Sardegna. Informazioni turistiche e curiosità sui comuni della Sardegna e le attrattive turistiche offerte nei vari territori isolani.


Vai ai contenuti

Monte Limbara :: Monti granitici della Gallura, ricchi di paesaggi mozzafiato scoprili col Portale Le Vie della Sardegna.

Territorio > I Monti di Sardegna


Gola di rio Pisciaroni e panorama verso Tempio Pausania.
Laghetto a cascata di rio Pisciaroni.


Monte Limbara

Il monte Limbara è un complesso montuoso di natura granitica ubicato nel cuore della Gallura. A nord guarda verso il pianoro di Tempio, a sud ovest è delimitato dal fiume Coghinas e a sud est dalla depressione di Monti, Oschiri, Padrogiano e Olbia. Pur non raggiungendo un'altezza elevata (supera di poco i 1300 m), il Limbara appare imponente e suggestivo, caratterizzato da cime rocciose modellate da agenti atomposferici che in millenni hanno conferito loro forme strane e bizzarre. La più alta è la Punta Balistreri, che raggiunge i 1359 m.
Sul monte si trovano due cantieri forestali: uno nel versante settentrionale, l'altro in quello sud. Il primo, appartenente al comune di Tempio Pausania, è compreso all'interno del SIC (Siti di Importanza Comunitaria). La zona è occupata da una rigogliosa macchia mediterranea, in prossimità delle cime sostituita da lande steppose e apre formazioni rocciose.
Il monte Limbara sud appartiene, invece, al comune di Berchidda. Lo scenario è dominato da grandi massi che sembrano quasi sospesi in precario equilibrio, modellati da fenomeni di erosione fino ad assumere forme bizzarre, punteggiati di grotte e cavità. La zona è frequentata dall'aquila reale e aquila Bonelli, che vola su fitti e rigogliosi boschi abitati da gatti selvatici e martore. A Littu Siccu, nel cuore della foresta, si trovano tracce di antichi insediamenti umani a Pedru Fadda e Fighizzola. La vegetazione è costituita da erica e corbezzolo; nei valloni più freschi al leccio si accompagnano l'orniello e l'agrifoglio.
Il versante settentrionale e quello meridionale sono ricchi di sorgenti dalle quali sgorga acqua con ottime qualità oligominerali.
Il Limbara è teatro della manifestazione musicale "Time in jazz", che tra rocce e boschi trova lo scenario ideale per ritmiche espressioni artistiche. Vi è inoltre allestito l'ecomuseo di arte e natura "Semida" – che in sardo significa sentiero. Qui spettacolari installazioni di artisti quali Giovanni Campus, Clara Bonfiglio, Erik Chevalier, Paola Dessy, Bruno Petretto, Pinuccio Sciola, Giovanna Secchi, Monica Solinas accompagnano il visitatore alla scoperta di un mondo naturalistico dove si insinuano vere e proprie opere d'arte, che attraverso la Land Art, ricerca artistica nata negli anni Settanta del XX secolo, creano uno spettacolare e sorprendente gioco estetico.
Come arrivare
Al monte Limbara nord si arriva, partendo dal centro abitato di Tempio Pausania, percorrendo la SS 392 in direzione Oschiri. Al km 7 in località Coradoreddu sono ubicati gli uffici del cantiere. Il versante meridionale è invece raggiungibile dal paese di Berchidda percorrendo la SS 597 Sassari-Olbia oppure la SP 62. Da Tempio si arriva fino all'eliporto di Valliciola e si scende fino al laghetto Su Sciucchi, che si trova all'interno della foresta.
Attività praticabili
Il Limbara è attraversato da numerose strade che, originandosi da Calangianus, Berchidda e dalla strada Tempio - Oschiri, arrivano fino a Valliciola, località a 1053 metri di altitudine. Dalla caserma della Foresta si snoda un percorso che porta alla valletta scavata da rio Pisciaroni. Dopo aver superato il pianoro della Valliciola, ricca di lecci, sugheri, agrifogli, si raggiunge la punta Balestrieri (1359 metri), la maggiore del massiccio.
Informazioni utili e servizi
Capo cantiere Monte Limbara nord: Salvatore Dibeltulu, tel. 079 631921; fax. 079 6312921. Capo cantiere Monte Limbara sud: Tonino Cabizzosu, tel. 320 4331195; 079 704917.

Monti di Gallura paesaggi scolpiti nel granito.

I MONTI DEL LIMBARA


Geomorfologia

L’area dei monti del Limbara si trova in Gallura, nel quadrante nord-est della Sardegna settentrionale ed è compresa nel foglio 1 : 100.000 IGM n. 18 1 “Tempio Pausania”. Confina a nord con la SS 127 per Calangianus, a sud e a est con i territori di Oschiri, Monti, Telti, a sud-ovest col corso del fiume Coghinas che segna il confine fra Gallura e Logudoro. Il massiccio dei monti del Limbara è formato da una serie di vette granitiche modellate dal vento, dalle precipitazioni nevose e piovose, dalle escursioni termiche estive ed invernali ed hanno assunto nei millenni forme bizzarre, comprese le rocce tafonate. Il rilievo è il più elevato del nord della Sardegna e presenta circa venti cime con oltre mille metri di quota che emergono sopra foreste e valloni, in una zona solitaria e selvaggia. Le cime più alte sono Punta Balistreri, m. 1359 slm, irta di antenne e ripetitori, P.ta Berrita, m. 1362, P.ta Giugantinu, m. 1333, tutte sopra Tempio. Verso Calangianus troviamo M.Cano, m. 11 15, M.Lu Scioccu, m. 1215, M.Biancu m. 1 150, M.Niddòri, m. 123 1, che chiude la dorsale. I1 versante sopra Berchidda, a est, ha cime inferiori a mille metri ma con morfologia sempre aspra. La struttura delle rocce di granito, risalenti al Paleozoico, è una miscela di minerali cristallizzati che si alterano con l’azione degli agenti atmosferici. Successive intrusioni di magma hanno formato cunei di granito nello stesso batolite ercinico ed hanno lasciato una serie di falde parallele fra loro, visibili sulle cime. Durante l’Era Terziaria tutta la Gallura ed anche il Limbara sono stati interessati da titanici sconvolgimenti di origine vulcanica che hanno inclinato verso settentrione il blocco granitico della Gallura, sollevandolo verso sud e formando appunto i monti del Limbara.

Gola di rio Pisciaroni, cascatella fra i massi di granito.

Flora

Il clima di questo rilievo, pur conservando le caratteristiche mediterranee, è modificato dalle correnti d’aria fredda che scendono da nord. La flora originaria, negli ultimi secoli, ha subito notevoli aggressioni con incendi e tagli ad opera di boscaioli e carbonai.
La zona è stata oggetto di estesi rimboschimenti. Dal 1950 a Valliciola, nel versante nord verso Tempio P, a monte della gola del rio Pisciaroni, l’Amministrazione
Forestale ha rimboschito 1200 ettari con pino domestico (pinus pinèa), pino marittimo (pinus pinaster), pino laricio corsicano, ed esemplari di cedro atlantico e deodara. Ciò per evitare il dilavamento dei suoli e favorire la crescita delle specie indigene. Alcune valli conservano le specie originarie: vetusti lecci e sughere, tassi, agrifogli, aceri, filliree. I fianchi dei monti sono solcati da numerosi rivi e torrenti lungo i quali crescono ontani neri, salici, tamerici, oleandri. sulli zone cacuminali allignano piccoli arbusti: pulvini di ginestre spinose, ginepri nani, pruni striscianti. Tra i fiori si 0sservano diverse orchidee, il crocus primaverile ed autunnale, lo zafferanetto, armèrie, astri, achillea, santolina, I’hieracium martellianum, la viola del Limbara che si ritrova nella Sardegna del sud, sulle cime del monte Linas, a 1200 metri di quota.
Fauna
L’aspra morfologia del Limbara, le solitarie vallate, i boschi, offrono rifugio a diverse specie selvatiche. Sono presenti: il cinghiale, la volpe, il gatto selvatico, la martora, la donnola, lepri e conigli selvatici. Cavifauna è ben rappresentata.
Fra i rapaci troviamo poiane, gheppi, pochi astori, sparvieri, falchi pellegrini. Fra i notturni la civetta e I’assiolo, incerta la presenza del barbagianni. Fra i corvidi si osservano il corvo imperiale, la cornacchia grigia, la ghiandaia, la taccola. Sulle rocce si nota il passero solitario. Nei praticelli montani sono presenti la pernice sarda, la beccaccia, l’allodola, la calandra, il tordo, la tordela, il saltimpalo, l’averla capirossa corsa e quella comune, diversi passeracei come il verdone ed il cardellino. Nei boschi e nelle radure il merlo, il pettirosso, la cinciallegra, la cincia mora, il picchio rosso, lo scricciolo, la magnanina sarda. La presenza di ruscelli e laghetti fra le rocce, con acque sane ed abbondanti nei mesi invernali e primaverili, favorisce la vita di anfibi come I’euprotto e il discoglosso sardo, la raganella, il rospo smeraldino.
Le rocce soleggiate sono l’ambiente preferito dalle lucertole mentre il gòngilo frequenta boschi e praterie, insieme al colubro, alla biscia viperina e a quella dal collare. Numerosi gli insetti fra i quali api, vespe, bomboloni, libellule, grilli, cavallette, farfalle, coccinelle e altri coleotteri, i carabi carnivori.

Monti Limbara, orchidea lungo il rio Pisciaroni
Monti di Gallura, Torri di San Pantaleo.

GOLA DEL RIO PISCIARONI

Accesso: da Tempio Pausania si prende la SS 392 per Oschiri e dopo circa 7 Km. si trova la cantoniera Curadoreddu; circa trecento metri dopo la cantoniera si trova il bivio per Vallicciola. Se si sale da Oschiri, si prende la SS 392 per Tempio Pausania, si attraversano i fianchi del Limbara fino al Km. 25, dove si troverà l’inizio della sterrata che porta alle case dell’Amministrazione Forestale.
Punti panoramici per l’osservazione: l’unico modo per visitarla è percorrerla, fin dove è possibile.
Dislivello della gola: a monte slm 750, a valle 680
Strutture ricettive e di ristoro: nella zona l’acqua abbonda. Alberghi e ristoranti si trovano a Tempio Pausania. Esiste anche un alberghetto a Vallicciola, ma non sempre è aperto.
Cartopafia: I.G.M. 1:25000 “Tempio Pausania” F 181 IV S.E.
Descrizione: dallo spiazzo antistante le case dell’Amministrazione Forestale, si scende nella valle del rio Pisciaroni, lo si attraversa e si trova un sentiero che percorre la destra. Divertente è la risalita lungo il rio medesimo, perché non presenta grandi difficoltà, tranne alcuni salti d’acqua facilmente aggirabili entrando nello splendido, fitto bosco che accompagna il corso del rio Pisciaroni. Si risalgono cosi circa cento metri di quota fino a raggiungere un laghetto circolare. Nel lato a monte di questo c’è una cascata più alta, difficilmente aggirabile poiché tutt’intorno si trovano alti macigni accatastati e folti roveti. Se si vuole uscire dal corso del rio Pisciaroni, sulla destra del laghetto, in corrispondenza di un rivo affluente, si trovano tracce di un sentierino che porta sull’altopiano, e quindi a Vallicciola. Più interessante è percorrere il sentiero che si trova sulla sinistra che scende attraversando il bosco, raggiunge un antico ricovero per pastori e bestiame, ricavato all’interno di alcune grotticelle poste alla base di tre bizzarre torri
di granito, scolpite in modo davvero originale dalla natura. Il sentiero attraversa la pineta raggiungendo un grande cancello che dà l’accesso al piazzale dove si trovano le vetture. Per visitare la parte alta della gola del rio Pisciaroni, si raggiunge la località Vallicciola, si trova, a sinistra, una serrata con l’indicazione “Lu Salpenti”, dopo circa 700 metri si trova un ponticello. Parcheggiare e scendere sul greto del rio Pisciaroni. La parte alta è più stretta, le rocce sono più aspre, quindi risulta difficile camminare. Le pareti che accompagnano questo tratto sono alte, franose e spoglie. Vegetano pochi grandi alberi mentre ci sono molti piccoli arbusti di ginepro e roveti. Potremo quindi concludere che il tratto basso della gola del rio Pisciaroni è più divertente e vario.

I monti del Limbara cartina.

Storia dei Monti del Limbara


Attività umane

La Gallura è stata abitata da popolazioni neolitiche, come dimostrano i cerchi megalitici di Arzachena. Sembra che nel Limbara queste genti abbiano utilizzato i roccioni tafonati, in particolare a Li Colchi, presso M.Biancu, occupate anche di recente dai pastori. Secondo Plinio il Vecchio tali popolazioni erano antichi Corsi. In età nuragica vi sono stati insediamenti umani risalenti alla cultura di Abealzu-Filigosa; nella Fossa di Lu Salpenti e nel vicino Monte de Deu si trovano resti di una muraglia megalitica e di opere fortificatorie; nel versante nord-est c’è la fonte nuragica di Li Paladìni, legata al culto dell’acqua, e nei pressi la tomba di giganti di Pascaredda. Dei Punici non si hanno notizie, mentre presso Tempio sono stati rinvenuti insediamenti dei Romani, resti di una strada lastricata e di una fonderia.
Nel medio evo l’area del Limbara era divisa in due distretti: quello settentrionale, appartenente al Giudicato di Gallura e alla Curatoria di Gemini; quello meridionale, al Giudicato del Logudoro e alla Curatoria del Monte Acuto, dove fu eretto un castello. Nel periodo spagnolo-aragonese l’area fu divisa tra diversi feudi. Fino al XVI secolo, così come il resto della Gallura, la zona era disabitata, a parte la grossa borgata di Tempio Pausania ed i suoi villaggi satelliti. Nei tre secoli successivi si è gradualmente popolata ad opera di colonizzatori, per tre quarti provenienti dalla vicina Corsica e per un quarto dai villaggi sardi, che hanno dato origine a fiorenti aziende agro-pastorali sparse nel territorio, chiamate “stazzi”, con al centro ordinate abitazioni in muratura ove viveva il nucleo familiare. La conferma storica è data dagli atti di matrimonio e di battesimo che dopo il 1720 recano nomi corsi che diventano sempre più numerosi.
La causa della migrazione è da ricercare nelle crisi sociali che hanno agitato la Corsica nel XVIII secolo, a cui è da aggiungere I’esasperazione della “vendetta” corsa. L’emigrazione, favorita dalla facilità di approdo nelle coste sarde, è continuata fino al XIX secolo e ha dato alla zona, con I’habitat diffuso degli stazzi ed il dialetto corso, diversissimo dal sardo, un’originalità etnica che non si è più cancellata. Le attività economiche principali della Gallura sono quelle agro-pastorali, caprini in montagna e bovini in pianura; nel recente passato, il taglio del bosco per la legna e la produzione del carbone; la diffusione della quercia da sughero per la produzione di questa materia; l’estrazione del granito, in uso già al tempo dei Romani, che ora sta creando gravi guasti nel paesaggio. Accanto a Tempio, una valle a ovest del Limbara è chiamata valle di “Li Mulini” perché vi lavoravano tredici mulini ad acqua, uno dei quali in esercizio fino al recente dopo guerra.

Rocce granitiche, Limbara
Monte Limbara, Gallura.
Scorcio del Limbara, Gallura.

Laghetto sul Monte Limbara

"Il monte Limbara è un complesso montuoso di natura granitica ubicato nel cuore della Gallura. A nord guarda verso il pianoro di Tempio, a sud ovest è delimitato dal fiume Coghinas e a sud est dalla depressione di Monti, Oschiri, Padrogiano e Olbia. Pur non raggiungendo un'altezza elevata (supera di poco i 1300 m), il Limbara appare imponente e suggestivo, caratterizzato da cime rocciose modellate dagli agenti atmosferici che in millenni hanno conferito loro forme strane e bizzarre. La più alta è la Punta Balistreri, che raggiunge i 1359 m."

Laghetto sul Monte Limbara
La vetrina delle Aziende Sarde

Home Page | Località Sarde | Piatti Tipici | Cultura Sarda | Territorio | Spazio Aziende | Musica Sarda | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu