Menu principale:

Le Vie della Sardegna :: partendo da Sassari Turismo, Sagre Paesane, Cultura e Cucina Tipica Sarda. Turismo in Sardegna, itinerari enogastrononici e culturali. B&B, Agriturismi, Hotel, Residence, Produttori Prodotti Tipici, informazioni e itinerari su dove andare, cosa vedere, dove mangiare, dove dormire sul Portale Sardo delle Vacanze. Tutto per le tue Vacanze in Sardegna. Informazioni turistiche e curiosità sui comuni della Sardegna e le attrattive turistiche offerte nei vari territori isolani.


Vai ai contenuti

Sennori :: Comune della Provincia di Sassari, il paese è adagiato su una collina che si affaccia sul golfo dell'Asinara. Sono da segnalare le attività artigianali legate alla realizzazione di ceste e corbe ottenute dall'intreccio di foglie di palmizio nano.

Località Sarde > Sassari


Sennori, due giovani donne in abito tradizionale festivo.
Sennori, portatrice d'acqua, Guido Costa

Sennori
La presenza dell'uomo nel territorio del comune di Sennori risale a tempi antichissimi ed è testimoniata dai numerosi ritrovamenti effettuati. Il paese, è adagiato su una collina che si affaccia sul golfo dell'Asinara. Sono da segnalare le attività artigianali legate alla realizzazione di ceste e corbe ottenute dall'intreccio di foglie di palmizio nano.

Abitanti: 7.323
Superficie: kmq 31,39
Municipio: via Brigata Sassari, 15 - tel. 079 3049200
Cap: 07036
Guardia medica: (Sorso) - tel. 079 3550001-2-3
Polizia municipale: via Brigata Sassari, 15 - tel 079 3049219
Biblioteca: via Farina, 32 - tel. 079 362300
Ufficio postale: via Italia, 28 - tel. 079 360315

Stemma Sennori comune
La vetrina delle Aziende Sarde
Sennori attività cestini

Sennori, poco distante da Sassari e Sorso, si trova nei pressi di alcuni rilievi calcarei che dominano il golfo dell'Asinara. La sua particolare posizione geografica permette quindi di affacciarsi su uno splendido panorama sulle coste di tutto il golfo. Il territorio è ricco di fertili vallate dove possiamo trovare oliveti, frutteti, vigneti e distese di macchia mediterranea ricche di alloro, mirto, corbezzolo e pungitopo.
Sennori è ricco di risorse culturali e naturalistiche, in particolare il suo territorio custodisce diverse testimonianze prenuragiche e nuragiche come le domus de janas dell'orto del Beneficio Parrocchiale e i nuraghi Sa Pattada, San Biagio, Chercos, Iscala de Todde e la tomba dei giganti di Oridda che si alternano a panorami mozzafiato.
La presenza dell'uomo nel territorio risale all'età nuragica e prenuragica, ma è durante il periodo romano che Sennori conobbe il momento di maggior sviluppo insieme al vicino centro di Sorso e ad altri villaggi vicini. Nel Medioevo il paese faceva parte della curatoria della Romangia nel giudicato di Torres. Alla fine del XIV secolo arrivarono gli aragonesi e il paese fu ceduto alla famiglia De Senay Pilo y Castelvì nella baronia denominata "Encontrada de Romangia". Nel 1723 Sennori e la Romangia, passarono alla famiglia degli Amat che governarono fino alla fine del feudalismo in Sardegna.
L'economia di Sennori si basa sul commercio, anche se il paese è famoso soprattutto per l'attività artigianale, in particolare per i cestini realizzati intrecciando le foglie tagliate ed essiccate della palma nana.

Sennori da Scoprire

La vita di Sennori è sempre stata fortemente legata alla storia dell'acqua e dell'agricoltura come dimostrano i monumenti più caratteristici della civiltà nuragica, come i pozzi sacri e le fontane dislocate nel territorio. L'acqua rivestiva un ruolo essenziale sin dai tempi più antichi e ad essa venivano attribuiti poteri magici e terapeutici.
Tra i monumenti più importanti da visitare ci sono la domus de janas del Beneficio Parrocchiale, scavata in un costone calcareo utilizzato come cava sotto l'orto della chiesa di San Basilio; la tomba dei giganti di Oridda interamente scavata nella roccia e vari nuraghi monotorre dislocati nel territorio comunale.
Tra le chiese, invece, ricordiamo la chiesa parrocchiale di San Basilio Magno situata nella parte alta del paese, risalente al 1500 e restaurata intorno al 1945; la chiesa di Santa Croce, più antica di quella di San Basilio, che conserva un altare ligneo del 1700 e la piccola chiesa di Santa Lucia in onore della quale viene organizzata ogni anno un'importante festa ricca di intrattenimenti folkloristici. La chiesa ottocentesca di San Giovanni, invece, si trova fuori dal centro abitato, sulla strada per Osilo; la festa in onore del santo è la più importante, si svolge l'ultima domenica di giugno e prevede una parata a cavallo e una processione con i costumi tradizionali provenienti da tutta la Sardegna.
A Sennori vengono organizzate diverse manifestazioni culturali tra le quali il Simposio Internazionale di Scultura al quale partecipano artisti di livello mondiale, il paese viene trasformato in un vero e proprio laboratorio di arte e scultura arricchito da numerose mostre e spettacoli.
A febbraio abbiamo il premio "Romangia" di letteratura sarda e a luglio il festival internazionale dei gruppi folk.
Sennori vanta ben quattro varianti del costume tradizionale femminile, tra i più belli e preziosi di tutta la Sardegna. Il costume da sposa è il più famoso perché finemente lavorato con fili d'oro e perle di strass che arricchiscono l'organza e la seta. L'abito giornaliero è più semplice ma anch'esso molto ricamato; il costume da lutto è sobrio ed elegante, la sua particolarità è data dal fatto che il costume prevede che la donna debba indossare due ampie gonne, una delle quali viene sollevata per coprire il capo, la vedova in questo modo si estranea dal mondo che la circonda.

Sennori il paese

Storia

La presenza dell'uomo nel territorio del comune di Sennori risale a tempi antichissimi ed è testimoniata dai numerosi ritrovamenti effettuati. La domus de janas dell'orto del Beneficio parrocchiale, quel che rimane dei nuraghi di "Sa pattada", "Iscala de todde", "San Biagio" e "Chercos" e la tomba dei giganti di Oridda, confermano che la zona fu abitata fin dalle età nuragica e prenuragica.
Durante il periodo romano Sennori, costituito in villa o civitas, conobbe un importante sviluppo che si spiega con la vicinanza al più importante centro di Sorso. Nel Medioevo il territorio appartenne alla curatoria della Romangia, del giudicato di Torres. Alla fine del XIV secolo, caduta la Repubblica sassarese, fu assoggettato al dominio degli aragonesi e, posseduto dalla famiglia De Senay Pilo y Castelvì, entrò a far parte della baronia denominata "Encontrada de Romangia".
Intorno al 1430 passò sotto il controllo della famiglia Gambella. Il capo famiglia, Gonario, una volta divenuto feudatario nominò il figlio Antonio suo unico erede universale con la clausola che nel caso in cui fosse mancato un discendente maschio, il feudo e gli altri beni sarebbero dovuti andare ai figli maschi delle figlie Rosa, Maddalena e Marchesa. Nel 1723 Sennori e la Romangia, passarono alla famiglia degli Amat che governarono fino alla fine del feudalismo in Sardegna.

Tradizioni

Le tradizioni religiose sono legate principalmente alla festa di San Giovanni Battista, che si svolge l'ultima domenica di giugno presso l'omonima chiesetta campestre. La manifestazione prevede una suggestiva parata a cavallo e a piedi con costumi tradizionali provenienti da tutta la Sardegna.

Territorio

Il paese sorge nella regione della Romangia a un'altitudine di circa 220 metri sul livello del mare, sul fianco di una collina da cui, nelle giornate di cielo sereno, è possibile vedere le coste della Corsica.
Il territorio è ricco di verdi vallate, le più notevoli la vallata Priedu, quella di Sutis, del Nigolosu e la vallata Terràcula, arricchite dalla presenza di uliveti, frutteti e vigne. Da segnalare la presenza di siti e monumenti che testimoniano come la zona fu da sempre caratterizzata da importanti risorse naturali e culturali. Domus de janas, nuraghi e tombe dei giganti si alternano a paesaggi mozzafiato. I terreni che circondano il centro abitato sono avvolti nella macchia mediterranea. Tra le piante arboree presenti sono da ricordare il carrubo, l'oleastro e l'alloro, tra quelle arbustive il mirto, il lentisco, la fillirea, il corbezzolo, l'alaterno e il pungitopo.

Economia

L' economia del paese si basa sull'agricoltura, la viticoltura e l'allevamento. Radicate nel patrimonio culturale locale, sono da segnalare le attività artigianali legate alla realizzazione di ceste e corbe ottenute dall'intreccio di foglie di palmizio nano. La vicinanza con Sassari ha da sempre favorito le attività di tipo commerciale.

Sennori vedute del Paese



Necropoli dell'Orto del Beneficio Parrocchiale


Come arrivare
Le domus si trovano al centro del paese, vicino alla chiesa parrocchiale.

Le sepolture sono scavate in un affioramento calcareo, nell'orto attiguo alla chiesa parrocchiale di Sennori, nell'Anglona, regione costiera della Sardegna settentrionale.
Descrizione
La necropoli comprende 11 domus de janas, generalmente pluricellulari, alcune delle quali caratterizzate da decorazioni architettoniche in rilievo.
La sepoltura più interessante è costituita da 11 ambienti disposti secondo uno schema irregolare. Vi si accede da una cella a pianta quadrangolare con soffitto piano (largh. m 2,87; lungh. m 2,30; alt. m 1,28), corrispondente alla cella centrale, poiché manca l'anticella. Sulle pareti laterali dell'ambiente si aprono due vani secondari: il vano a sinistra presenta una pianta rettangolare absidata (lungh. m 3,25; largh. m 2,05; alt. m 1,18/1,30), quello a destra ha pianta rettangolare (lungh. m 2; largh. m 1,75; alt. m 1,10 circa).
Sulla parete di fondo di quest'ultimo ambiente, un portello sopraelevato immette in un piccolo vano di disimpegno, di forma ellittica (lungh. m 1,07; largh. m 1,18; alt. m 0,87), che, girando quasi a gomito, porta ad una cella a pianta irregolare (lungh. m 1,07; largh. m 1,10). Attraverso un portello che si apre nella parete di fondo di questa cella, si accede ad una camera centrale di maggiori dimensioni, a pianta rettangolare (lungh. m 2,30; largh. m 4,20; alt. m 1,08); l'ambiente presenta decorazioni architettoniche parietali scolpite in rilievo: sui lati del portello si osservano delle lesene, mentre altre bande in rilievo corrono parallele lungo le pareti al di sotto del soffitto o scendono perpendicolari spartendo a riquadri le superfici. All'interno dei riquadri si osservano tre protomi in rilievo con ampie corna.
Nelle pareti della cella si aprono altri quattro portelli che danno accesso ad altrettanti vani: il primo vano, sul lato sinistro, è sub-rettangolare (lungh. m 1,12; largh. m 2,70; alt. m 0,90); il secondo vano, sul lato frontale, è rettangolare allungato (lungh. m 1,80; largh. m. 4,82; alt. m 1,08); gli ultimi due vani – uno rettangolare (lungh. m 2,10; largh. m 1,13; alt. m 0,94), l'altro a pianta irregolare, sul lato destro e sul lato dell'ingresso - sono comunicanti tra loro.

Sennori Necropoli
Sennori Abito tradizionale
Sennori, biblioteca comunale sala lettura.
Sennori, frantoio.
Sennori, sfilata in abito tradizionale
Sennori, donna in abito tradizionale di gala, Guido Costa 1927.

Eventi a Sennori

La tradizione sarda si rinnova ogni anno grazie ad un calendario ricchissimo di manifestazioni.
In tutta l'Isola processioni, concerti, regate, spettacoli teatrali e mostre-mercato offrono un palcoscenico straordinario, allietando ed incantando il visitatore, lo spettatore, l'ascoltatore, dando luogo a proposte culturali che vanno incontro agli interessi più diversi.

Carnevale di Sennori Mese di febbraio
Manifestazione popolare a carattere spettacolare che prevede allegre sfilate in maschera ed esibizioni di carri allegorici, distribuzione e degustazione di prodotti tipici come fave con lardo, frittelle e vino.

Premio "Romangia" di letteratura sarda Mese di febbraio
La manifestazione assume un'importanza rilevante nel panorama culturale isolano e rappresenta un appuntamento di grande interesse per i cultori della letteratura sarda.

Festa dell'Immacolata Mese di maggio
Considerata una festa prevalentemente religiosa, si svolge con una processione in costume sennorese, e un corteo di fedeli che segue il simulacro fino al centro storico del paese.

Festa di Maria Ausiliatrice Mese di maggio
Durante i festeggiamenti religiosi in onore della Madonna, un corteo di credenti con il costume tipico sennorese, sfila in processione lungo le vie del centro storico.

Festa di San Basilio Mese di giugno
E' la festa del Santo patrono di Sennori, in cui i devoti sfilano in processione per le vie del centro storico, con il costume tipico sennorese. San Basilio viene festeggiato per tre giorni, con manifestazioni di vario tipo tra cui spettacoli pirotecnici.

Festa di San Giovanni Battista Ultima domenica di giugno
E' una delle feste più importanti di Sennori, in cui il Santo viene portato in processione dal centro del paese fino alla chiesetta campestre. La festa prosegue quasi per una settimana.

Festa della Madonna degli Angeli Mese di luglio
Meglio conosciuta come la festa dei muratori. Il comitato è infatti formato da cittadini appartenenti a questa categoria di lavoratori e organizza una bella manifestazione al centro del paese, sulla piazza D'Annunzio.

Festa di San Biagio Mese di luglio
In occasione di questa festa il Santo viene portato in processione dai credenti che sfilano, col costume tipico, per le vie del paese. I festeggiamenti durano tre giorni, con spettacoli vari.

Festival Città di Sennori Fine luglio
L'evento è organizzato dal gruppo folk "Città di Sennori" e vede la partecipazioni di gruppi che arrivano da tutte le parti d'Europa e del mondo. Nel corso della manifestazione i partecipanti, vestiti con il loro costume locale, si esibiscono con balli e canti tipici dei loro paesi.

Calice sotto le stelle Mese di agosto
Appuntamento eno-gastronomico che si svolge, nello stesso giorno, in tutte le Città del Vino italiane. A Sennori le degustazioni vengono fatte presso il centro culturale nel centro storico oppure presso l'anfiteatro, creato nella cava all'interno del parco urbano. Per tutta la serata si possono degustare vini locali accompagnati da formaggi e salumi tipici.


Festa di Santa Lucia Mese di settembre
E' la festa della Santa a cui è dedicata la chiesetta ubicata nella parte alta del paese, in una delle zone più antiche (zona di Santa Lucia). I festeggiamenti religiosi, che durano tre giorni, sono caratterizzati da una processione che porta il simulacro per le vie del paese.

Simposio Internazionale di scultura Mese di settembre
Manifestazione culturale, organizzata dalla Pro loco di Sennori, che vanta la partecipazione di artisti di livello mondiale. Il paese viene trasformato in un vero e proprio laboratorio di arte e scultura, arricchito da numerose mostre e spettacoli.




Sennori, veduta del paese

"Kent'Annos Agriturismo"
delle Tenute Dettori
Kent'Annos si trova a Sennori (SS), in Badde Nigolosu, presso le Tenute Dettori ed è un Agriturismo da agricoltura biologica e biodinamica. Per la Guida dei Ristoranti 2011 del Gambero Rosso Kent’Annos con i suoi 76 punti rappresenta il terzo miglior Ristorante della Provincia di Sassari dopo il Cormorano di Castelsardo ed Andreini di Alghero. Da noi potete trascorrere qualche ora in visita ai vigneti con degustazioni dei nostri vini
in Cantina, proseguire con il ricco pranzo o la cena accompagnata dai nostri vini, o fermarvi solo per un aperitivo servito assieme ad uno spuntino, godere del dopocena dove nelle calde notti d’estate troverete il piacevole refrigerio delle nostre colline.

Il Ristorante Menù fisso: € 35,00 a persona – compreso il vino. Il menù comprende circa 10/12 piatti oltre i dolci. Bambini sino ai tre anni non pagano. Dai tre anni ai dieci anni € 17,50. Il menù può variare anche giornalmente. Solo piatti tradizionali di stagione. Aperitivi e Dopocena d’estate vi aspettiamo dalle 20.00 alle 24.00 da maggio ad ottobre.
Lontano dal caos, a due passi da tutto… Un punto d’incontro rurale per chi cerca un’alternativa a locali affollati e chiassosi. Scelta di vini delle Tenute (anche delle annate storiche) e Champagnes artigianali oltre ad “assaggi di cucina”. Tutti i vini verranno serviti al bicchiere. Siamo aperti a cena tutti i giorni.
Pernottamento a Kent'Annos Kent'Annos dispone di 2 camere matrimoniali ricavate dalla ristrutturazione di due piccole abitazioni tradizionali dei pastori Sardi "Sa Pinneta", qui potrete soggiornare in pieno relax e con tutti i comfort. Le Camere sono indipendenti con un ampissimo giardino di fronte e con bagno in camera, dispongono inoltre di frigo bar, macchina del caffè e climatizzatore.

Tariffe Prezzo per tutto il periodo dell’anno. Costo: € 150,00 a stanza, colazione inclusa. € 100.00 a stanza se si pranza o si cena nel nostro Ristorante.

Bottega K'A All’interno della struttura funziona la Bottega: un punto vendita nel quale sarà possibile acquistare i prodotti delle Tenute Dettori e dell’Agriturismo durante l’orario di servizio del Ristorante Agricolo.

Visite e degustazioni dei nostri vini Orari Su prenotazione, in base alla disponibilità del produttore.
Costo € 11,00 a persona.

Informazioni
Kent'Annos
Presso: Tenute Dettori
Strada Provinciale 29, Km 10 Sennori (SS)

Visualizza l'Azienda




Home Page | Località Sarde | Piatti Tipici | Cultura Sarda | Territorio | Spazio Aziende | Musica Sarda | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu